read more

Scopri l'esclusiva Collezione di Servizi pensati per offrirti un'eccezionale wedding experience

The Emotional Collection

view the Portfolio

@danilaolivetti

@danila_olivetti_events

@danilaolivetti

/danilaolivettiweddingplanner

Follow Along

Learn More

Founder & Chief Wedding Planner
Attraverso eventi pazzeschi racconto storie d'amore dal 2010

ciao, sono Danila

E’ una verità universale che nel momento stesso in cui annuncerete a famiglia e amici il vostro imminente matrimonio, inizierà il vostro personale piccolo calvario.

Uno stressante percorso fatto di mediazione, intromissioni più o meno velate, consigli e pareri non sempre richiesti, domande allusive e inquisitorie capaci di mettere alla prova i nervi anche della più decisa e organizzata delle spose, insinuando il seme del dubbio e dell’indecisione.

Se non vuoi perderci il sonno, prima imparerai a conviverci, meglio sarà.

La mediazione e il compromesso

Il matrimonio sarà il primo grande progetto che organizzerete insieme. Insieme significa tu e lui.
In molti casi la tua famiglia e la sua, che quasi mai la penseranno allo stesso allo modo su tutto.
Inevitabilmente dovrete fare i conti l’uno con l’altra, e dovrete farlo cedendo a qualche compromesso.
Spesso lo sposo si disinteressa completamente – o quasi – di colori, fiori, e bomboniere. Ma sicuramente vorrà dire la sua sulla gestione del budget o sulla scelta di vini e menu. Se avete deciso di sposarvi, dovreste conoscervi già abbastanza bene da sapere su cosa cedere per non scontentare l’altro. Fondamentale è stabilire delle piccole regole, rispettarle, e poi dedicarsi del tempo matrimonio-free. Provate a pensare a voi due e cercate di non dimenticare il perché avete deciso di sposarvi, ritagliandovi del tempo in cui non parlerete del matrimonio. 

Le intromissioni più o meno velate

Gli sposi siete voi, vero. Ma la mia lunga esperienza da wedding planner “terrona” mi ha insegnato che il matrimonio, soprattutto al sud, è L’Evento di tutta la famiglia. E tutta la famiglia tenderà a viverlo come se fosse un pò suo.

Il che è molto bello in termini di cooperazione, di coinvolgimento e di calore umano.

Organizzativamente parlando, si assiste al disastro.

Consigli e pareri non richiesti

Il Caso tipico

La sposa desidera A. Allo sposo va bene A (anche se vorrebbe spendere di meno). La sposa conferma A. Poco dopo ci ripensa perché sua madre ha suggerito B. Proviamo un AB, che in realtà non convince pienamente nessuno. Poi l’amica/sorella/suocera insinua un ulteriore dubbio. Si inizia a ragionare anche su C. Poi si torna su A. Però si viene a sapere di un’amica dell’amica della cugina che ha fatto A, ma ha speso molto meno. Quindi si prende – perde – altro tempo prima di realizzare che la A dell’amica dell’amica della cugina non era A, ma una sorta di D.
La sposa e il suo entourage hanno la percezione del disastro imminente perché a “ben sei mesi dal matrimonio” non si è scelto il segnaposto e, in preda all’ansia confermano la prima cosa carina trovata in un negozio perché un’altra amica che si sposa dopo di noi e che ha – a suo dire – già organizzato tutto, ci ha fatto sentire inadeguate, disorganizzate, tirchie (o cafone, a seconda dei casi) e pure in clamoroso ritardo. 

Le domande allusive e inquisitore

Molte di voi avranno avuto a che fare con questo tipo di domande, consigli o pareri, che sembrano avere il superpotere di intimidire, mettere a disagio, insinuare mille dubbi anche alla più decisa delle spose.
Se non è successo, armati di pazienza, succederà.

Nella migliore delle ipotesi sono formulate per pura curiosità: non darci peso.
Nella peggiore ve le fanno apposta per mettervi in difficoltà: non darci peso.

Qualche esempio?
Ah quindi vi sposate…che tema avete scelto? Non avete un temaaaaa?????

Ancora non hai fatto le partecipazioni??? (ps. se non l’hai fatto davvero, anche se credi di essere in clamoroso ritardo, dai un’occhiata al mio nuovissimo sito dedicato cliccando qui, potresti trovare quello che cerchi… o crearlo insieme a me!)

Hai scelto l’abito? Dove? Quanto hai speso? Hai una foto?
Così volgare/scollata non entrerei in chiesa (oppure – così sempliceee??,ci saranno invitate più in tiro di te!).

Che fiori userete? Quanto spenderete? Cosi taaaaanto??? (oppure – così poooooco?) Io – mia cugina – una mia amica – ha speso la metà (oppure – se non spendi almeno il doppio troverai carciofi come centrotavola!). Per i miei consigli sul Flower design clicca qui.

E la bomboniera? E il segnaposto? Non avete ancora scelto il segnaposto… ??? 

Con chi mi avete seduto al tavolo? Voglio stare con x, assolutamente non mettermi insieme a y!

Impara a dire “Grazie” e a pensare “No”.

Spegni il cervello. lascia che tutto questo fastidioso starnazzare si zittisca.
Prova a diventare impermeabile.
Sorridi, accetta i consigli e i pareri altrui (riformulo: fingi di accettare i consigli), e continua per la tua strada. 
Anche se sei insicura o ansiosa, ragiona: non è detto che gli altri abbiano sempre ragione.
Non sei costretta a metterti perennemente in discussione.
Non è detto che quello che è stato perfetto per qualcun debba esserlo anche per te.

E se hai un wedding planner

Se poi ti sei affidata a un professionista, rassicurati: pensa che nel momento stesso in cui hai firmato il contratto, ha organizzato il tuo matrimonio per intero. E lascia lavorare il tuo wedding planner!
Nè tu né – tantomeno – il tuo wedding planner avete bisogno di un’amica precisina che vi detti strampalate scadenze.
Un wedding planner conosce perfettamente il suo timing e, semmai dovessi essere davvero in ritardo su qualcosa te lo farà notare, offrendoti una soluzione di riserva.
Difficilmente lascerà che qualcun altro gli detti i tempi o pretenda di insegnargli a fare il suo lavoro.
Per lo meno io, nei casi – pochi, per fortuna – in cui mi sono dovuta misurare con queste situazioni, non l’ho permesso. 

Non farti intimidire da quelle che sembrano montagne di cose da fare.
Noi Wedding Planners ci confrontiamo con queste cose ogni giorno, da anni. Sappiamo cosa fare, quando e come.
(Ovviamente non mi riferisco alla banda dei “wedding”, che si occupano solo di confettate e tableau – pure male).
Sono sicura che la mia opinione, il mio parere, il mio consiglio, sia di molto più competente, completo, disinteressato e argomentato rispetto a quello dell’amica o parente che ha organizzato solo il suo matrimonio.
Anche se è stata bravissima.
Non si tratta di spocchia. Si tratta di praticità.

Ti dirò di più, dall’altra parte della barricata, dalla parte dei fornitori impegnati a rendere perfetto il tuo matrimonio non c’è nulla di più frustrante, faticoso – e antieconomico in termini di impegno e di tempo – che lavorare per un cliente perennemente in ansia, indeciso e che non sa quello che vuole.
O, peggio, che saprebbe esattamente cosa chiedere, se sentisse di avere la libertà di scegliere.  Ma teme che le sue scelte possano deludere le aspettative di qualcun altro. Che sia una mamma, un papà, una suocera, una nonna, una sorella, una zia, un’amica o peggio… tutti loro messi insieme!

Il Mio Consiglio

Decidi chi sono le persone alle quali dar retta. Definisci di chi sono i pareri che per te sono importanti, senza i quali non saresti a tuo agio. Ora pensa a una cosa del matrimonio di cui ti importa poco, non troppo, un pò meno.
Bomboniera? Fiori? Confetti? Menu? Location? Fedi? Auto? Musica? Liturgia? Accomodation per ospiti che vengono da lontano?
Fatto?
Bene, ora siediti, respira e… delega. Offri loro in pasto uno o più dettagli a cui pensare.
Loro ne saranno felici, li avrai coinvolti così non si sentiranno del tutto esclusi dai preparativi, e tu avrai un’incombenza in meno.

Anche tu stai subendo consigli e pareri non richiesti? Come ti difendi?

- valeria

"Grazie Danila, è stata una gioia per me conoscerti. Mi resta di te un ricordo straordinario per ciò che hai creato e la sensibilità e il cuore che ci hai messo.
Una professionista dell'anima, del galateo e del savoir-faire. GRAZIE"

"Una professionista dell'anima"

- ilaria

"La mia, anzi la nostra esperienza di sposi con Danila è stata eccezionale, impossibile avere di meglio. Il nostro matrimonio è stato bellissimo, elegante, divertente ed originale anche grazie a lei, e noi ce lo siamo potuti godere al meglio perché sapevamo che lei aveva tutto sotto controllo."

"Classe e professionalità"

- nicole

"Una vera professionista, attenta, precisa, corretta e soprattutto con idee chiare ed originali che ci hanno dato la possibilitá di avere un matrimonio come non si era mai visto prima [...] E le va riconosciuta una dote: nella cerimonia simbolica non ha davvero paragoni nel settore, è la numero uno!"

"Non potevamo scegliere persona piú speciale"

- morena

"Il suo aiuto è stato fondamentale e determinante per la splendida riuscita. È una persona onesta, che si circonda di professionisti altrettanto onesti e capaci, doti apprezzate dalla location, che ha avuto premura di contattarmi post matrimonio per complimentarsi nella scelta della WP e del suo staff. È molto scrupolosa nella realizzazione del progetto, che una volta realizzato, lascia davvero senza parole. Non posso che ringraziarla ."

"La scelta migliore che abbia preso per il mio matrimonio."

- antonella

"Danila è stata la nostra prima scelta, la prima che abbiamo bloccato per il nostro matrimonio. Da subito ci ha sbalordito la sua professionalità, molto sopra la media, che risalta immediatamente. Ci ha poi conquistato con la sua straordinaria empatia. La capacità di rasserenarci e rassicurarci, di dire sempre la parola giusta al momento giusto..."

"Empatia e competenza"

- rosaria

"Danila è una professionista unica e per me è stato un onore conoscerla.[...]Nella mia famiglia sono stata la prima ad essersi sposata non in chiesa e temevo il giudizio di tutti i parenti e amici tradizionalisti e alla fine? Alla fine sono venuti a dirmi che se potessero tornare indietro farebbero la mia stessa scelta e senza dubbio chiederebbero a Danila di raccontare la propria storia. Attenta ai dettagli, nata per rendere magico uno dei giorni più importanti della vita di due persone, nulla le sfugge e nel suo sorriso c'è il sole. Danila è una garanzia e prima di essere una professionista è una bella persona.

"Danila è una garanzia"

- marilena

"...durante tutto questo periodo lei ci ha accompagnato con la sua dolcezza, dandoci forza e coraggio. Quando effettivamente abbiamo iniziato la progettazione del wedding day, lei parlando con noi ha saputo trasformare in realtà tutti i nostri desideri… poi il meteo ad una settimana ci ha buttato giù, e lei ha saputo sconvolgere tutti i piani in pochissimo e a riprogettare tutto, rendendolo se possibile ancora più bello.. il nostro matrimonio non sarebbe stato così meraviglioso senza di lei"

Una meravigliosa Wedding Planner

Book Now